Lucio Dalla "torna" a Sanremo con Ron

Claudio Baglioni ha affidato un inedito del cantautore bolognese a Ron. Il sodalizio artistico che ha creato grandi successi si ricompone per il festival. Svelati intanto gli abbinamenti dei big

Ron e Lucio Dalla insieme in un concerto

Ron e Lucio Dalla insieme in un concerto

Francesco Troncarelli 19 gennaio 2018

Questa è una storia di amicizia e di musica. Buona musica a prescindere, perché vede protagonista Lucio Dalla, uno dei più grandi cantautori italiani, Ron suo collaboratore da sempre e musicista sensibile e preparato e soprattutto Claudio Baglioni, un artista di razza che si è messo in gioco accettando di essere il direttore artistico dell’ormai prossimo Sanremo e che sta organizzando il festival con l’obiettivo di mettere “la musica al centro dello spettacolo”.


Se questa sua idea si è poi attuata in pratica lo si potrà verificare quando inizierà la kermesse sanremese, per una scelta che ha effettuato però si può senz’altro affermare che ci sia riuscito. Ci riferiamo infatti al brano scritto da Dalla “Almeno pensami” che verrà interpretato da Ron sul palco dell’Ariston.


Tramite la fondazione intitolata al cantante bolognese, Baglioni aveva ricevuto un suo inedito con l’autorizzazione a poterlo rendere pubblico e quindi farlo incidere, da qui l’idea di affidarlo a Ron.


Una scelta quanto mai azzeccata perché Ron che proprio a Sanremo ha esordito giovanissimo insieme a Nada (1970, “ Pà diglielo a ma”), è stato un collaboratore storico di Dalla ed anche un amico fidato, insieme hanno scritto alcune delle canzoni più belle e suggestive del nostro pop come ad esempio “Piazza grande” e “Attenti al lupo” che sono stati due successi clamorosi.


«L’invito da parte di Claudio Baglioni a cantare un brano inedito di Dalla a Sanremo mi ha profondamente colpito, non sapevo dell’esistenza di questa canzone – ha raccontato Ron. – È strano, nuovo e bello poter cantare un brano di un grande amico che non è più con noi, anche se per me Lucio non se n’è mai andato veramente. E mi affascina l’idea di poter interpretare qualcosa di suo, rimasto nascosto fino ad oggi, e di essere il portavoce di questo meraviglioso ricordo e omaggio. Sarò a Sanremo dunque, con emozione, con la leggerezza e l’intensità che questo brano mi ha comunicato appena ho avuto la fortuna di ascoltarlo”.


“Almeno pensami” è una canzone che parla d’amore ricca di suggestioni che farà rivivere sicuramente  la poetica e l’anima musicale del cantautore bolognese, che avrà così sul palco dell’Ariston una ribalta importante per essere nuovamente apprezzato e perché no, festeggiato, in prossimità dei suoi 75 anni che cadranno il 4 marzo.


La sua ultima apparizione al festival risale a pochi giorni prima della scomparsa, quando partecipò nel 2012 alla kermesse insieme all’emergente Pierdavide Carone (con la canzone “Nanì“) e contrariamente a quanto affermato da più parti, non è il primo caso di una “partecipazione postuma” a Sanremo, c’è stato infatti ad esempio già nel 2007, il precedente di Paolo Rossi che presentò “In Italia si sta male (si sta bene anzichenò)“, inedito di Rino Gaetano che era morto 26 anni prima.


Ron dal canto suo è alla ottava presenza al festival iniziata come si ricordava nel 70 a 16 anni e proseguita via via con  “Il mondo avrà una grande anima” nel 1988, “Vorrei incontrarti tra cent’anni” con Tosca nel 1996, “Un Porto nel vento” nel 1998, “L’uomo delle stelle” nel 2006, “Sing in the rain / Un abbraccio unico” nel 2014 e “L’ottava meraviglia” nel 2017. L’artista di Dorno punta a bissare il successo di 22 anni fa, magari sempre davanti ad Elio e le storie tese, anche loro presenti ad entrambi i festival.


Potrà la canzone di Ron essere una delle favorite per il gradino più alto del podio finale? I bookmakers solitamente “veggenti” per questa gara, non sembrano puntare molto né sulla bravura dell’interprete né su un possibile “effetto Dalla“: la quota di Eurobet per Rosalino Cellamare è infatti di 17, ben distanziato dagli ultimi della fila ovvero Luca Barbarosa a 31 ed i Decibel guidati da Enrico Ruggeri a 26 ma comunque sempre lontano dalla favoritissima coppia formata da Ermal Meta e Fabrizio Moro quotata 3.50 seguita da Mario Biondi a 4.50.


Nella serata di venerdi Ron rieseguirà il brano con Alice come è stato svelato oggi in sede di ascolto agli addetti ai lavori delle canzoni in gara. Le Vibrazioni invece canteranno con Skin, Ornella Vanoni con l’attore Alessandro Preziosi, Renzo Rubino con Serena Rossi, Roby Facchinetti e Riccardo Fogli con Giusy Ferreri, Annalisa con Michele Bravi, Luca Barbarossa con Anna Foglietta, Mario Biondi con Ana Carolina, Giovanni Caccamo con Arisa, Red Canzian con Marco Masini, Elio e le Storie Tese con i Neri per Caso. I nomi degli artisti che accompagneranno le esibizioni di Decibel, Diodato e Roy Paci, Enzo Avitabile, Ermal Meta e Fabrizio Moro, Lo Stato Sociale, Max Gazzé, Nina Zilli, Noemi e i The Kolors verranno resi noti successivamente.


 


 

commenti